Sala Santa Rita Contemporanea

5 luglio > 31 dicembre 2021

Sono stati selezionati i 12 progetti vincitori “Bando di selezione Sala Santa Rita 2021” promosso dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale e gestito dall’Azienda Speciale Palaexpo nell’ambito della sua missione di Polo del contemporaneo.

La Sala Santa Rita viene restituita alla città con un nuovo progetto tutto dedicato alla cultura contemporanea. Un programma inedito e continuativo prenderà il via da luglio per proseguire fino a dicembre 2021 negli spazi dell’ex Chiesa Santa Rita da Cascia che ospiteranno, in successione, i 12 progetti vincitori.

Il Bando, fortemente voluto dall’Assessora Lorenza Fruci, è nato dall’idea di mettere a disposizione della Città uno spazio “aperto” nel quale sperimentare la convivenza dei molteplici fattori, diversi per natura o notorietà, che rendono Roma il luogo fertile della cultura contemporanea. È a questo fine, infatti, che il Bando ha preso in considerazione e valutato progetti espositivi basati su opere d’arte di ogni genere e senza preclusione di alcun mezzo, come anche invitato a partecipare nella veste di promotrice o promotore artisti, critici d’arte e curatori, galleristi, comunità creative e associazioni, operatori culturali, sia pubblici che privati.

immagine

dal martedì alla domenica dalle 18 alle 21

Ingresso gratuito.
L’ingresso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Green pass.

info
Sono stati selezionati i 12 progetti vincitori “Bando di selezione Sala Santa Rita 2021” 
 
 
ENTRA
MOSTRA
5 > 15 luglio 2021

Don’t You Forget About Me è il progetto di Numero Cromatico per Sala Santa Rita, curato da Daniela Cotimbo in collaborazione con Re:Humanism.

MOSTRA
16 > 30 luglio 2021

Il progetto Alizarina dell’artista Gaia Bellini segue un fil rouge che si perde nella notte dei tempi riconoscendo il grandissimo valore simbolico e spirituale del colore, e nel rosso il sangue che sostiene la vita. 

MOSTRA
2 > 12 agosto 2021

La mostra Ancora interpretati ancora, curata da Sabrina Losenno e Beatrice Marotta, propone una rilettura della storia della chiesa di Santa Rita da Cascia eretta nel 1665 e poi smontata e trasferita nella posizione attuale.

MOSTRA
17 > 29 agosto 2021

Mutabilia prova ad osservare le tracce invisibili del passato e ad interrogare il futuro, immaginando una costellazione di possibilità situate tra realtà e ipotesi, tra quello che è stato e quello che sarà.

MOSTRA
4 > 15 settembre 2021
Con Lo Spiracolo di Santa Rita, a cura di Anita Calà e proposto da Associazione VILLAM, l'artista Valeriana Berchicci, attraverso un intervento sulla struttura della Sala, cambia le sue origini architettoniche, trasformandola in un luogo deputato al fenomeno della luce e all'osservazione della realtà. 
MOSTRA
5 > 12 ottobre 2021
In Clamor di Jacopo Belloni, Beatrice Favaretto, Giorgia Garzilli e Diego Gualandris, un gruppo scultoreo in cartapesta abita lo spazio, una sorta di esoscheletro scomposto, contenente al suo interno caramelle e dolciumi.